Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2014

Il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose (Mt 13,45)

In questa XVII Domenica per annum, a mio parere, le letture sono di una particolare bellezza. Da internet trovo alcuni passi dei padri della chiesa che le commentano, in particolare il vangelo le condivido anche su questo blog.
Origene:  Le splendide perle conducono all'unica perla preziosa
Si può applicare a chi cerca le perle preziose quella parola: «Cercate e troverete... Chi cerca trova» (Lc 11,9. 10). Ma che cosa cercare? O meglio, che significa: chi cerca trova? Indubbiamente per quella perla s'intende ciò che un giorno possederà chi ora dona tutti i suoi beni e li disprezza; per questo Paolo dice: «Tutte queste cose le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo» (Fil 3,8) che è l'unica perla preziosa. … Per ogni cosa c'è il tempo opportuno e ogni realtà che vive sotto il cielo ha la sua occasione favorevole; c'è dunque un tempo per raccogliere splendide perle e, dopo averle raccolte, c'è un altro tempo per trovare l'unica perla preziosa, …

Dal culto dei martiri e dei santi alla venerazione delle reliquie

Il culto dei martiri
La comprensione del culto delle reliquie nella Chiesa cattolica è legata alla grande importanza rivestita dal culto dei santi, ed in particolare dei martiri nella Chiesa dei primi secoli. La commemorazione dei santi ha avuto inizio nella Chiesa con la memoria dei martiri, i testimoni della fede, che hanno professato la loro fede fino all'effusione del sangue anche di fronte alle minacce ed alla morte. Le commemorazioni dei martiri sono legate però in modo particolare al ricordo dei defunti. Da sempre nella storia umana è chiaro il rispetto quasi sacro che circonda le spoglie mortali. Gli onori dovuti per pietas ai defunti erano di duplice natura: il refrigerium che per la fede nella sopravvivenza, anche materiale, dell'anima dopo la morte, prevedeva un banchetto o la consumazione di cibo presso il luogo di sepoltura, e la più importante, ed ancora oggi in uso, commemorazione del dies natalis, ovvero del giorno della morte, inteso dai cristiani come il gio…

Quale preghiera? Per quale pace?

Immagine
Nelle drammatiche situazioni internazionali che in questi giorni affliggono gli innocenti, più volte ed in più luoghi ritornano i dovuti appelli per la pace. Papa Francesco ancora si impegna con zelo per ottenere la pace ed invita noi tutti, popolo di Dio, a pregare per la pace. Il risultato, come spesso accade, sono insulse aggregazioni, agglomerati di buoni sentimenti, di candele e di gesti insignificanti se non ridicoli, che se anche fossero preghiera, probabilmente non ricalcano l'invito generico del Papa e la prassi vivente della Chiesa. È vero che lo “Spirito soffia dove vuole” ed è lui che ispira la preghiera, il dialogo intenso con il Signore, ma a vedersi ed a partecipare alle “preghiere per la pace” non possono non sorgere seri dubbi su quanto animatori pastorali, responsabili di comunità, sacerdoti e fedeli tutti riescano ad elaborare, spesso scadendo sul piano dei contenuti e su quello della forma in virtù di un'idea di liturgia come riserva di sentimenti da prend…

Uscì il seminatore a seminare

Immagine
La XV Domenica "Per annum" offre all'ascolto dei fedeli la parabola del seminatore. L'esegesi moderna ha snobbato spesso l'intero testo che si legge durante la celebrazione eucaristica partendo dal presupposto che la "spiegazione" sia deludente rispetto alla genialità ed alla freschezza delle parabole di Gesù. Si tratterebbe di un'inclusione allegorica che chiude il senso della parabola alla sola spiegazione tramandata. Io non ho le conoscenze adatte per contestare gli esegeti. Mi permetto solo di dire, a me ed ai miei lettori, che se io salgo in cattedra per spiegare un qualsiasi argomento, la poesia di Dante o le Critiche di Kant, la mia spiegazione dovrà essere una riduzione, una banalizzazione dell'autore spiegato perché il mio compito in cattedra è proprio quello di sminuzzare e semplificare perché tutti possano comprendere e poi sperare che ciò che si è spiegato faccia breccia nell'intimità di ognuno. 
Partendo dalla colletta del formul…