Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

I cieli narrano la gloria di Dio!

Immagine
Condivido con voi questa stupenda pagina di Enrico Fermi "universalmente riconosciuto come uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi".
Sono trascorsi molti anni, ma ricordo come se fosse ieri. Ero giovanissimo, avevo l'illusione che l'intelligenza umana potesse arrivare a tutto. E perciò m'ero ingolfato negli studi oltre misura. Non bastandomi la lettura di molti libri, passavo metà della notte a meditare sulle questioni più astruse. Una fortissima nevrastenia mi obbligò a smettere; anzi a lasciare la città, piena di tentazioni per il mio cervello esaurito, e a rifugiarmi in una remota campagna umbra. Mi ero ridotto a una vita quasi vegetativa: ma non animalesca. Leggicchiavo un poco, pregavo, passeggiavo abbondantemente in mezzo alle floride campagne (era di maggio), contemplavo beato le messi folte e verdi screziate di rossi papaveri, le file di pioppi che si stendevano lungo i canali, i monti azzurri che chiudevano l'orizzonte, le tranquil…

Buon anno scolastico

La scuola ricomincia e da domani mi  ritroverò in classe. Allora, come ogni anno da ferragosto in poi mi cominciano a tornare in mente i volti, i nomi e le espressioni degli alunni che dovrò rincontrare in classe. Io insegno da pochi anni, ma sono convinto, come tanti, di quanto la mia, la nostra, professione sia non necessaria o utile, per alcuni ovviamente inutile, ma decisamente indispensabile. Penso a questa caratteristica del mio lavoro soprattutto nei primi giorni di scuola. Quando arrivo in classe, per i nuovi alunni sono solo un estraneo, per gli altri sono il "prof", e questo alle volte vuol dire anche un rapporto educativo iniziato e che si vorrebbe portare a compimento. Alle soglie del nuovo anno mi chiedo che cosa dire ai miei alunni. 
Ogni anno ci penso. Quest'anno vorrei dire:

Non siate indifferenti. La difficoltà del mio lavoro non risiede certo nell'esposizione dei contenuti; la religione è una questione personale che mi appassiona e sono tante le cose …

Nostra gloria è la croce di Cristo!

Immagine
Quale mirabile cosa è mai il possedere la Croce! Chi la possiede, possiede un tesoro!"                             (Sant’Andrea di Creta, Omelia X per l’Esaltazione della Croce: PG 97, 1020)

Il Vangelo ci ricorda il significato di questo grande mistero: Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché gli uomini siano salvati (cfr Gv3,16). Il Figlio di Dio s’è reso vulnerabile, prendendo la condizione di servo, obbedendo fino alla morte e alla morte di croce (cfr Fil 2,8). E’ per la sua Croce che siamo salvati. Lo strumento di supplizio che, il Venerdì Santo, aveva manifestato il giudizio di Dio sul mondo, è divenuto sorgente di vita, di perdono, di misericordia, segno di riconciliazione e di pace. “Per essere guariti dal peccato, guardiamo il Cristo crocifisso!” diceva sant’Agostino (Tract. in Johan.,XII,11). Sollevando gli occhi verso il Crocifisso, adoriamo Colui che è venuto per prendere su di sé il peccato del mondo e donarci la vita eterna. E l…

Dedicato a chi le riforme NON le sa fare...

Immagine
Tratto dal blog del prof. Alessandro D'Avenia
La classe è...acquaLe parole abusate sono segnaletica della nostalgia, fosforescenze di ciò che perdiamo. Scuola: tutti ne parlano, mentre rantola. Se dovessi distillare il succo di 14 anni di insegnamento, di incontri in ogni tipo di scuola e di migliaia di lettere di studenti, docenti e genitori, dovuti ai libri che ho scritto, direi con E.Canetti: “Ogni cosa che ho imparato dalla viva voce dei miei insegnanti ha conservato la fisionomia di colui che me l’ha spiegata e nel ricordo è rimasta legata alla sua immagine. È questa la prima vera scuola di conoscenza dell’uomo”. Così ne La lingua salvata definiva l’essenza della scuola: la viva voce e l’immagine dell’insegnante. Solo una discontinuità antropologica (e quindi economica) potrà cambiare la scuola, non belletti organizzativi spacciati per riforme. Una rivoluzione copernicana che ponga nell’ordine giusto conoscenza e amore: ogni crescita in estensione e profondità dell…